8 maggio 2016

Teatro “al Dorico” di Ancona. Oh Dio mio! si fa in 2 in favore di LIFC

di Diego

 

Sabato 14 maggio Oh Dio mio! di Anat Gov andrà in scena per ben due volte rispettivamente alle ore 17:00 e alle ore 21:00 al cinema-teatro Dorico di Ancona e lo farà per una giusta causa e cioè in favore della LIFC (Lega Italiana Fibrosi Cistica) delle Marche.

Depliant-Oh-Dio-Mio1-1

Una vera e propria sfida per il Claet che sarà chiamato ad una prova attoriale oltre che fisica di non facile attuazione che, ci auguriamo, serva a raggiungere l’obiettivo di una proficua raccolta fondi per chi da
trent’anni, si prende cura dei pazienti affetti da Fibrosi Cistica dando ai malati tutto il sostegno legale, normativo, solidale per migliorarne la qualità di vita.

LIFC Marche per chi non la conoscesse è composta da pazienti, genitori, medici, terapisti, amici.
Offre servizi qualificati in tema di Fibrosi Cistica a tutta la collettività:
•Assistenza pazienti: incontri post diagnosi, aiuto diretto alle famiglie, interventi per una migliore qualità della degenza presso il Centro Regionale FC
•Assistenza legale e normativa: riconoscimento invalidità civile, diritto all’assistenza economica, diritto ai servizi sociali, diritto alla libera circolazione, diritto alle agevolazioni fiscali, diritto al collocamento obbligatorio al lavoro
•Sostegno alla Ricerca
•Promozione della conoscenza della FC per favorirne l’informazione, la diagnosi precoce, la cura migliore e l’aggiornamento sulle nuove acquisizioni
•Confronto con le Istituzioni, regionali e territoriali, al fine di migliorare l’assistenza, la cura e la prevenzione della FC.

La LIFC Marche sostiene la Ricerca per la Fibrosi Cistica finanziando i progetti meritevoli di attenzione e sostegno.

Inoltre, dal 2005, è impegnata nell’European Institute for Research in Cystic Fibrosis (IERFC), che ha contribuito a fondare con l’obiettivo di ideazione, programmazione, coordinamento e realizzazione di un percorso di ricerca che parta dalle reali esigenze del paziente con Fibrosi Cistica e dia una risposta scientifica alle criticità della sua vita quotidiana, attraverso un intervento di miglioramento della qualità delle cure erogate e di individuazione di nuove terapie che si traduca in un beneficio in tempo breve medio per il paziente stesso.

La LIFC Marche è anche impegnata nella realizzazione di una Rete Regionale FC attraverso la costituzione di Presidii nelle Aree vaste; incontri sul territorio con pazienti e familiari, Distretti sanitari, Centri di Riabilitazione, Medici e Pediatri, Scuole; pubblicazioni per dare la massima informazione
e divulgazione della Patologia.
È soprattutto a questi che è diretta l’azione della Rete regionale Fibrosi Cistica attraverso la conoscenza della patologia e l’attivazione di tutti gli strumenti necessari per un’azione preventiva, nella sinergia tra Centro regionale Fibrosi Cistica, strutture sanitarie del territorio, LIFC Marche Onlus.
I malati in cura presso il Centro Regionale Marchigiano sono circa 200.

Ora sapete perché oltre al piacere di venire a teatro, questa volta, davvero, non potrete fare a meno di essere dei nostri.

Per info e prenotazione dei bigletti:

laura@fibrosicistica-marche.org

Tel/Fax 071.94480

Cell. 373.8363175

Vi aspettiamo! Daje! 😉

“Tempo fa, era abbastanza improbabile
che un bambino con Fibrosi Cistica
potesse superare l’anno di vita.”
Grazie alla Ricerca, nel corso degli anni,
l’aspettativa di vita delle persone affette
da tale patologia è andata
costantemente aumentando.

19 aprile 2016

Xanax al premio “Camaleonte” di Orbassano (TO)

di Diego

 

In attesa degli esiti del concorso del Festival di teatro XS di Salerno (il 1 maggio) in cui abbiamo rappresentato la nostra ultima fatica “Oh Dio mio”! abbiamo il piacere di farvi sapere che il 6 maggio prossimo saremo ospiti del IV premio teatrale città di Orbassano.

L’iniziativa è stata organizzata da Apothema Teatro, capeggiato dal mitico Riky Oitana, che abbiamo avuto il piacere di incontrare, diversi anni or sono, proprio all’XS di Salerno in cui ci trovavamo “in competizione” assieme.

Allora da una parte la compagnia di Orbassano con il meraviglioso spettacolo di danza “La Flor” e noi proprio con l’indegradabile “Xanax di Angelo Longoni”.

Vai a vedere a volte le coincidenze!! 😉

Detto ciò e ricordando al pubblico di Orbassano che può (anzi deve :)) utilizzare questo post per commentare il nostro spettacolo, oltre alla nostra pagina Facebook, ci teniamo a riportare (copiando pari-pari) quanto scritto nella presentazione del programma, (che potete scaricare in fondo a questo post), di questo festival a cui, per la cronaca, partecipiamo per la prima volta.

Per la quarta rassegna Concorso Città di Orbassano Il Teatro del Camaleonte 2016, Apothema
Teatro Danza è pronta a regalarvi una stagione di altissimo livello.

12799406_1063212253729460_707001112762148053_n

La compagnia, riconosciuta ormai tra le più attive del panorama nazionale, è felice di comunicare a tutta la cittadinanza che il nostro concorso è ormai riconosciuto come uno dei più importanti di tutto il Piemonte.
Oltre 30 sono state le richieste di partecipazione.

La scelta è caduta quest’anno, più che mai, sulla qualità, meno grasse risate ma più ironia, drammaticità, emozioni e riflessioni. In sintesi la quarta rassegna sarà una vera e propria palestra per il nostro pubblico che avrà cosi l’occasione di gustare la bontà del Teatro con la T maiuscola.
Le 5 compagnie scelte arriveranno da Marche, Toscana, Veneto e Piemonte e sono tutte vincitrici
di Premi al Fitalia, il prestigioso Oscar del teatro non professionistico nazionale, che viene
assegnato alla miglior produzione dell’anno e hanno all’attivo una quantità di riconoscimenti da
fare invidia alle programmazioni dei grandi teatri della nostra regione.
Noi ne abbiamo raccolte 4 tutte insieme!!! La ciliegina sulla torta sarà la nostra nuova produzione
“Cioccolato” che non mancherà di stupirvi perché i nostri allievi, ormai quasi al termine del loro
percorso formativo, si cimenteranno, per la prima volta, in una situazione comica. Insomma un
Camaleonte sottosopra quest’anno.
Dopo il grande successo dello scorso anno torna la nostra Giuria Giovani (invitiamo tutti i
ragazzi tra i 15 e i 25 anni a contattarci per farvi parte). Ricordiamo a tutti i giovani giurati che,
previa audizione, saranno scelti due artisti che saranno presentati in occasione della serata fi nale
unitamente alla vincitrice del talent di Orbassano 2015. Il costo dell’abbonamento a loro riservato
sarà di 20 euro. Torna anche il prestigioso Premio Speciale Apothema, che verrà assegnato
all’aspetto tecnico o interpretativo più originale.
La rassegna sarà aperta da una anteprima. In questa serata, oltre a presentare le 4 compagnie
in concorso, verrà proiettato il film: “Medee” di Carlo Allorio. Il film è tratto dallo spettacolo
“Medea, la passione e l’ira” vincitore della seconda edizione del Camaleonte interpretato dal
Teatro degli Strilloni.
Il premio principale sarà assegnato, come ormai tradizione, in base alle votazioni del pubblico
(che si è dimostrato, nelle ultime due edizioni particolarmente attento agli spettacoli drammatici
– nel 2014 la rassegna è stata vinta dallo spettacolo drammatico Medea – mentre il 2015 ha visto
la vittoria di Ultima Ora).

A fare da cornice alla nostra rassegna ci sarà un nuovo allestimento del nostro fotografo Davide
Gallo che questa volta presenterà gli scatti dei suoi ragazzi effettuati durante le prove di Apothema,
ma non vi diciamo altro, sarà la nostra magnifica sorpresa per il nostro pubblico.
Altra novità è il progetto giovani. Apothema terrà a battesimo una giovane attrice torinese,
Camilla Bassetti. La bravissima attrice vi regalera’ delle gradite sorprese durante tutte le serate
del Camaleonte.

Il saluto al Camaleonte lo darà, con il progetto “Rampa di lancio”, la giovane
compagnia torinese Soluzioni Artistiche che ci regalerà due intensi spettacoli dal titolo Migliore
di cosi il 29 maggio e NOF4 – il comandante delle stelle il 17 settembre.
Ma Apothema è anche corso di formazione di Teatro Danza aperto a tutta la cittadinanza
desiderosa di sperimentarsi e di conoscersi un po’ di più e, per i più volenterosi, potrebbero
aprirsi anche le porte della compagnia. 
Un appello ai commercianti.

Apothema propone con l’iniziativa ADOTTA UNO SPETTATORE l’acquisto di 2 abbonamenti da regalare ai vostri clienti. Contattate apothema.teatrodanza@libero.it. per saperne di più.
Amici orbassanesi entrate a far parte di questo simpatico salotto.

Il teatro Pertini si trasformeràad aprile e maggio anche in un luogo di incontro dove passare una indimenticabile serata in compagnia di amici! Vi aspettiamo numerosi

Ecco le info utili.
Teatro “Sandro Pertini” Via Molini (Mulini) nr. 1 Orbassano
30 euro per l’abbonamento – 20 euro under 25
8 euro il biglietto singolo – 6,50 il biglietto ridotto
Potete prenotare telefonando
dopo le 18:30 al 339/7332802 o scrivere a: apothema.teatrodanza@libero.it.

Per scaricare il programma integrale potete cliccare qui di seguito.

camaleonte 2016 libretto. 2

13 aprile 2016

“Oh Dio mio!” di Anat Gov ad Umbertide (PG): commenti del pubblico

di Angela

 

Carissimi amici umbri, in particolare di Umbertide e dintorni, questo messaggio è per voi!

Sabato 16 aprile alle ore 21,00 saremo presso il Teatro dei Riuniti con “Oh Dio mio!” di Anat Gov, la nostra ormai collaudata ultima fatica teatrale che venerdì scorso a Jesi ha doppiato la simbolica boa delle 15 repliche; ad Umbertide festeggeremo quindi 16 incontri tra il signor D. ed Ella.

A questo link qui potete visionare informazioni sulla rassegna del Teatro dei Riuniti; è possibile prenotare i biglietti nei due giorni precedenti lo spettacolo presentandosi dalle 17.00 alle 19.00 presso il botteghino del teatro oppure chiamando lo 075/9412697.

alfonso-napolitano-192.jpg

Per quanto ci riguarda, vi invitiamo caldamente ad assistere allo spettacolo, una commedia brillante, sagace e piena di spunti di riflessione, con la quale si può ridere e commuoversi in egual misura. Anat Gov è stata una giornalista, scrittrice e drammaturga israeliana mancata nel 2012 ad appena 59 anni, conosciuta in Italia solo marginalmente ed è un gran peccato; oltre ad essere una meravigliosa scrittrice ha svolto per anni un lavoro egregio come attivista per la pace e la cooperazione battendosi per la parità dei diritti degli arabi in Israele.

 

“L’umorismo – aveva detto in una delle sue ultime interviste – è la migliore medicina. Migliore di qualsiasi terapia. E per di più è gratis”.

Poi, come è nostra consuetudine, vi invitiamo a lasciarci un vostro commento, critica o valutazione dello spettacolo; siamo una compagnia teatrale in continuo divenire, e le vostre critiche o incoraggiamenti sono per noi il carburante che ci aiuta a creare spettacoli sempre nuovi e migliori.

Potete scriverci sia lasciando un commento sotto questo post, sia sulla nostra pagina Facebook.

Vi aspettiamo a teatro! :-)

 

5 aprile 2016

Teatro al “Piccolo” di San Giuseppe di Jesi. E’ la volta di Oh Dio mio!

di Diego

 

Per la rassegna teatrale organizzata dalla compagnia Res Humanae e dalla Fita Marche, il prossimo venerdì 8 aprile alle ore 21:15, andremo in scena ancora una volta (la XV per la precisione) con Oh Dio mio! lo spettacolo teatrale contemporaneo che è partito da Tel aviv nel 2010 per emozionare e stupire le platee di mezza Italia e del mondo.

Ovviamente confidiamo in una importante risposta del pubblico di Jesi e dintorni per l’occasione che, in questo caso come in altri, è chiamato ad un atto di fiducia in merito alla qualità dello spettacolo e alla profonda piacevolezza di un testo che, dati i suoi soli 6 anni di esistenza, non può essere così conosciuto ed apprezzato come meriterebbe.

Che la comunità ebraica della provincia di Ancona (di Jesi in particolare) ci possa aiutare a richiamare gente in quest’occasione, per vedere e gustare un testo che conquista e cattura il 99% degli spettatori, indipendentemente dal fatto che siano credenti o meno e al di là del tipo di religione professata?

Anat Gov infatti oltre ad essere stata una famosissima drammaturga-scrittrice-giornalista di origine ebraica, con il suo “Oh Dio mio!” ha dato vita ad una delle più belle espressioni dello humor yiddish, che da sempre viene apprezzato ed esportato in tutto il mondo da autori più conosciuti e rappresentati ma che, a nostro avviso, spesso oltrepassa per acume ed intensità.

Oh Dio mio! è un’opera “incredibilmente e spassionatamente laica”, nonostante l’argomento e il titolo, e siamo quasi certi diventerà: “patrimonio dell’umanità tutta”, un classico del teatro contemporaneo a 360°, un manifesto di pace, fratellanza e speranza per chiunque si trovi su questa terra.

Il tempo di farla conoscere ai più e l’opera, ne siamo certi, diventerà una delle pièce teatrali più apprezzate nell’ambito del panorama teatrale contemporaneo e non solo…obiettivo ambizioso al quale stiamo provando a contribuire…seppur nel nostro “infinitamente piccolo”. 😉

996992_10153898247241068_3929194200679259563_n

Per prenotare i biglietti si può telefonare al 3357254918 o scrivere a: teatroilpiccolo@gmail.com oppure dalle 20:00 in poi dell’8 aprile, sarà possibile acquistare direttamente i biglietti presso la biglietteria del “Piccolo teatro di San Giuseppe di Jesi” al costo di € 10,00.

Se l’argomento vi incuriosisce vi invitiamo a guardare il promo qui di seguito

e per chi sarà presente chiediamo di esprimere un’opinione sulla rappresentazione, commentando lo spettacolo qui di seguito o usando la nostra pagina Facebook.

Ci vediamo a Jesi! 😉

21 marzo 2016

Al teatro G. Spontini il 3 aprile alle ore 17:00 in scena la Pace per la Pace.

di Diego

 

A Maiolati Spontini al teatro Gaspare Spontini, domenica 3 aprile alle ore 17:00 andremo di nuovo in scena con la commedia delle commedie nel segno di Carlo Urbani.
Proprio per l’Associazione Italiana Carlo Urbani infatti, a cui andrà devoluto l’intero incasso, porteremo in scena il nostro nuovo successo “Oh Dio mio!” dell’israeliana Anat Gov.
Uno spettacolo “fatto di pace” rappresentato in favore dell’associazione intitolata ad una delle figure più rappresentative fra i costruttori di pace, la stessa che orienta il proprio operato proprio su intenti di fratellanza e neanche a dirlo di pace, solidarietà e sostegno.

Un testo che la giornalista e scrittrice scomparsa di recente nel 2012 ha concepito come vero e proprio manifesto di armonia per l’intero genere umano.
Un testo di cui ognuno di noi, indipendentemente dal proprio credo o ideale, vorrebbe essere protagonista.
Si tratta di una pièce teatrale coraggiosa che integra l’umorismo yiddish con momenti di profonda ed umana commozione, in un duetto appassionante fatto di battute ed incomprensioni, di provocazioni e riflessioni, di scambi di ruolo e rinnovata empatica comprensione, il tutto nel salotto di una psicologa che accetta di fare una seduta al misterioso Sig. D.; il tutto nello spazio di un incontro tra l’Uomo e Dio.

OH-DIO-MIO_LocA4_Teatro-G
Ecco che prende forma un dialogo a più livelli dove la realtà apre spiragli alla spiritualità insita nella natura umana ed essa trova spazio, prende voce con forza alla ricerca di un senso, alla ricerca di risposte a domande sepolte nel cuore di ognuno di noi da sempre.
Un testo che sembra adattarsi perfettamente al desiderio di camminare ancora una volta con Carlo Urbani, offrendo l’opportunità di dare seguito al suo messaggio di pace e solidarietà fra le persone.

carlo-urbani-2

“Fate dei vostri sogni la vostra vita”…proprio il medesimo slogan che utilizziamo da ormai 2 anni per il festival Ankon d’oro intitolato, anch’esso, al medico di Castelplanio.

Per prenotare i biglietti infoline 3357254918.

All’organizzazione dello spettacolo teatrale oltre all’A.i.c.u. ha partecipato anche la Fita Marche che approfittiamo per ringraziare.

Alla fine dello spettacolo, come di consueto, aspettiamo i vostri commenti e considerazioni che potrete scrivere qui sul blog, usando la nostra pagina Facebook o citandoci in un Tweet.

A presto!

14 marzo 2016

“Oh Dio Mio!” al teatro La Fenice di Senigallia per GoFar

di Angela

 

Dopo una pausa di circa un mese (pausa relativa, che ci ha visto comunque in scena a Velletri con “Xanax”), aprile si preannuncia di nuovo un mese intenso e ricco di esperienze per il teatro Claet e per lo spettacolo “Oh Dio mio!”.

loc gofar

Inizieremo fin dal primo giorno del mese, il 1 aprile appunto, e non sarà affatto un pesce d’aprile, anzi! L’occasione sarà bellissima, la location tra le più prestigiose e la causa più che eccelsa.

Andremo infatti in scena venerdì 1 aprile alle ore 21,00 presso il bellissimo teatro La Fenice di Senigallia (AN), uno dei più belli, grandi ed attivi della nostra regione Marche, e speriamo veramente di fare un bel tutto esaurito perché l’intero incasso della serata andrà al Comitato Rudi Onlus GoFar, un’associazione che si occupa di raccogliere fondi per la ricerca sull’Atassia di Friedreich.

Probabilmente in pochi abbiamo sentito parlare di questa malattia; l’Atassia di Friedreich è una malattia rara (le statistiche riportano circa 100.000 casi al mondo di cui 1200 in Italia) che priva chi ne è affetto di alcune facoltà neuromotorie, provocando gravi disfunzioni motorie, problemi cardiaci, alterazioni del senso del tatto e diverse patologie collaterali.

Per questa malattia non esiste ancora una cura, per quanto ne siano stati individuati i meccanismi ed i processi responsabili.

GoFAR si occupa appunto del supporto alla sperimentazione di farmaci che stanno dando risultati promettenti; questo processo è ancora lungo e costoso ma portatore di una grande speranza fra i malati di Atassia di Friedreich.

Siamo più che onorati che la nostra amica Morena Belogi di GoFar ci abbia scelti per questo importantissimo evento di sensibilizzazione, raccolta fondi e cultura, e non vediamo l’ora di tornare sul palco della Fenice dopo 4 anni; infatti, proprio per GoFar eravamo già stati protagonisti con “Xanax”.

Ovviamente, come sempre vi invitiamo a postare sotto questo articolo o sulla nostra pagina Facebook i vostri commenti allo spettacolo, ma soprattutto ci preme invitarvi ad essere presenti e a dare il vostro contributo; questa volta, acquistando il biglietto per “Oh Dio mio!”, non soltanto acquisterete due ore in compagnia di Ella, il Signor D. e le emozioni che ci sanno sempre suscitare: questa volta regalerete una speranza a oltre 1200 persone in Italia e 100.000 del mondo…. ci pare sicuramente cosa buona e giusta!

Vi aspettiamo, quindi, il 1 aprile a Senigallia con “Oh Dio mio!” di Anat Gov, con GoFar e per GoFar! A prestissimo!

 

2 marzo 2016

Xanax sul palcoscenico del teatro Tognazzi di Velletri

di Diego

 

A volte ritornano.

Ebbene sì Laura e Daniele, neanche fossero i protagonisti di un film “Horror”, stanno davvero tornando a calcare un palcoscenico teatrale, e per farlo approfittano dello splendido teatro Tognazzi di Velletri (Roma) per continuare a “dire la loro” dopo quasi 8 anni dal debutto di Xanax di Angelo Longoni e con all’attivo moltissime repliche in tutta Italia.

Sempre nello stesso sgangherato ascensore Laura e Daniele e sempre con i loro immancabili psicofarmaci che (serviranno?) ad ammorbidire il claustrofobico “soggiorno” oltre che la forzata ed imbarazzante convivenza, in 4 metri x 4, per quasi 48 ore filate.

Nonostante le innumerevoli repliche, questa di Velletri sarà un’esperienza del tutto inusuale e piacevole per la nostra compagnia teatrale poiché è stata scelta per due esperienze umane oltre che “professionali” molto interessanti.

  1. Saremo infatti lieti di essere accompagnati dalla fase di allestimento alla messa in scena, da una locale scuola di teatro frequentata da giovani e giovanissimi virgulti teatrali a cui, evidentemente, abbiamo ispirato la voglia di capire e fare esperienza direttamente sul campo, ehm pardon, in teatro.
  2. Avremo degli spettatori molto particolari in sala durante la rappresentazione, poiché un particolare istituto di salute mentale della zona, in accordo con i propri pazienti etc ha scelto di assistere, fra tutti gli spettacoli della stagione del Tognazzi, proprio al nostro Xanax.

Tutto ciò non può non farci piacere oltre che caricarci di entusiasmo e responsabilità.

Per tutti coloro che vorranno assistere allo spettacolo possono prenotare il biglietto on line cliccando qui.

Xanax a Velletri

Con i post in aggiunta alla voglia di raccontarci , come già accaduto lo scorso dicembre in occasione della rappresentazione dello spettacolo “Oh Dio mio!” ad esempio, siamo soliti chiedere al pubblico presente di commentare lo spettacolo, esprimendo, attraverso questo blog o Facebook le proprie impressioni su quanto visto.

Considerazioni, commenti, riflessioni spunti e critiche sono e saranno sempre importanti per noi, poiché costituiscono la benzina al nostro desiderio di provare a migliorare anche dove possiamo non notare i margini per farlo.

Pronti dunque per una nuova e mirabolante avventura assieme che, siamo quasi certi, finirà più o meno così. 😉

12509724_10153736865006068_4475724633138970270_n

24 febbraio 2016

Altro che pizza e fichi, piuttosto polenta e teatro…al “Misa” di Arcevia.

di Ilaria

 

Cari amici del Teatro,

dopo una brevissima pausa rilassante, ci apprestiamo a ripartire con il nostro tour che questa volta farà

tappa ad Arcevia: domenica 28 febbraio, alle ore 17.00, “OH DIO MIO!” andrà in scena nella splendida cornice del Teatro Misa.

Siete tutti invitati dunque a partecipare ad un evento che promuove l’incontro tra cultura e gastronomia, tra il teatro e la buona tavola

.Manifesto Oh Dio mio!

Il nostro spettacolo si inserisce infatti nell’ambito della rassegna teatrale che con cinque appuntamenti ha accompagnato ed accompagnerà la manifestazione “Una domenica andando a polenta”: un’occasione unica per deliziare tutti i sensi.

12744221_10153824180586068_9079692701234886393_n

Qualora vorrete, a spettacolo, l’invito è quello di condividere qui di seguito: impressioni, sensazioni, opinioni, insomma tutto ciò che questo spettacolo potrà avervi ispirato.

Forza dunque, diteci la vostra…per noi è molto importante! 😉

7 febbraio 2016

Oh Dio Mio! Siamo al festival Teatro XS di Salerno!

di Diego

 

Il 14 febbraio prossimo alle ore 19:00 , da veri e propri amanti del teatro, festeggeremo S. Valentino sul palcoscenico del Teatro Genovesi di Salerno in occasione dell’inaugurazione dell’8 Festival nazionale “Teatro XS” organizzato dagli amici della compagnia dell’Eclissi.

Infatti è forte e profondo il rapporto che ci lega a questa cornice.

Probabilmente poiché noi stessi , di fatto, abbiamo inaugurato il festival debuttando per primi (come questa volta per altro) durante la I edizione di XS con lo spettacolo, manco a dirlo, Xanax.

8° festival nazionale di teatro xs

 

Per l’VIII edizione del “Città di Salerno” ci presentiamo con Oh Dio Mio! di Anat Gov, una che in fatto di amore la sapeva davvero lunga, anche se l’amore per cui ha speso parte della propria vita non è stato esclusivamente quello rivolto ad una sola persona, ma quello per l’intero genere umano…non a caso infatti, durante la propria carriera/vita, ci si spende in maniera determinante per il premio nobel per la pace!

Comunque, Nobel a parte, caro pubblico di Salerno, tu che come noi sei amante del teatro, ci terremo a sapere cosa ne pensi del nostro spettacolo teatrale, scrivendoci le tue impressioni nei commenti di questo blog o nella nostra pagina Facebook.

Grazie e tanto tanto amore (per il teatro) a tutti!

E al prossimo XS! 😉

3 febbraio 2016

“Oh Dio Mio!” di Anat Gov continua la tournée nelle Marche: Cupra Marittima, arriviamo!

di Angela

 

Ciao a tutti,

archiviate con successo di pubblico e di critica le repliche che ci hanno visto, a gennaio, tornare a casa nella natia Ancona e paesi limitrofi (siamo infatti reduci di due bellissime serate al teatro Cortesi a Sirolo e al teatro Panettone di Ancona), eccoci di nuovo on the road, anche se stavolta i chilometri nono sono molti: venerdì 5 febbraio alle ore 21,15 ci aspettano infatti in quel di Cupra Marittima, presso il cinema-teatro Margherita in occasione della XXXVI Rassegna “Inverno Teatrale Cuprense“.

È la prima volta che tocchiamo con un nostro spettacolo la cittadina rivierasca, e siamo felici e curiosi; ci auguriamo che il pubblico cuprense, che ci dicono sia numeroso, caloroso ed esperto (e non potrebbe essere altrimenti, visto che la rassegna invernale ha toccato quota 36 edizioni!) ci accolga con altrettanta curiosità!

12509511_953101951438808_6077587182489734425_n

E proprio a te, pubblico cuprense, ci rivolgiamo ora: che ne dici di raccontarci, dopo averlo visto ovviamente, le tue impressioni su questo spettacolo? Cosa ne pensi di questo “Oh Dio mio!” di Anat Gov, un testo che parla di pace e del rapporto tra l’uomo ed il Divino in maniera brillante ma al tempo stesso coinvolgente ed emozionante? Hai critiche, commenti o opinioni che potrebbero esserci utili per tutte le altre repliche che affronteremo, e saranno tante tra qui e luglio 2016? Forza, allora, è il tuo momento! Scrivici tutto qui! :-)