“12 ovvero la parola ai giurati” riceve 3 graditissimi riconoscimenti alla VII edizione della rassegna nazionale di teatro “Stalattite d’Oro”

Per noi tornare a Castellana Grotte, a distanza di un anno, proponendo “12 ovvero la parola ai giurati”  ha rappresentato motivo di profondo orgoglio, perché ancora vivo era il ricordo dell’esperienza precedente carica di un’emozione tra quelle sicuramente più gradite, sia per la profonda passione teatrale che per il calore umano che ci erano stati trasmessi.

La ‘Stalattite d’oro rappresenta una delle rassegne a livello nazionale più riuscite, in cui si trova davvero competenza, professionalità, disponibilità e dove la voglia palpabile di far teatro si sposa con l’amore profondo per la cultura del territorio. Infatti, a dimostrazione di ciò, ad ogni compagnia intervenuta alla manifestazione è stata data la possibilità di visitare le famose grotte di Castellana, un gesto molto apprezzato sia per l’accoglienza dimostrata che per il desiderio di far entrare ognuno di noi nello spirito della loro terra.

E non smetteremo mai di ringraziare l’Associazione Filodrammatica “Ciccio Clori” per l’accoglienza squisita che abbiamo ricevuto. Inoltre, un ringraziamento sentito va al Presidente Raffaele Ramirra e al Direttore Artistico Nico Manghisi, che non ci hanno mai fatto mancare il loro entusiasmo facendoci sempre sentire a casa.

Non potevamo così mancare all’attesissima serata di premiazione, dove il nostro spettacolo ha ricevuto 3 riconoscimenti molto apprezzati: Patrizia Giacchetti è  miglior attrice non protagonista alla Stalattite d’oro 2011 interpretando il Giurato n. 4; Andrea Toppi è miglior attore non protagonista alla Stalattite d’oro 2011 interpretando il Giurato n. 3; e (per la seconda volta nella sua carriera) Diego Ciarloni è miglior regista ex Aequo alla Stalattite d’oro 2011.

Il fatto di aver conquistato questi premi è motivo di soddisfazione grandissima e lo è ancora di più considerando il calibro delle compagnie finaliste (“La riduculosa historia di pulcinella cornuto immaginario della Compagnia Scaramante di Bastia Umbra; “Rumori fuori scena” della Compagnia Teamus di Verona; “Cyrano De Bergerac” della Compagnia Al Castello di Foligno). Nella serata della premiazione è stato inoltre piacevolissimo assistere all’esibizione di Vittorio Marsiglia che, dopo averci allietato con il suo spettacolo, ci ha omaggiati della sua presenza a cena e questo ha reso ancora più memorabile una già perfetta serata di teatro!

Dunque lunga vita alla Stalattite d’oro e grazie di cuore.

0 Condivisioni

LEAVE A COMMENT