Una volta qui era tutta campagna

Una volta qui era tutta campagna

Un treno parte dalla stazione di Roma Termini diretto a Torino Porta Nuova; contemporaneamente da Milano Centrale il Pendolino comincia la sua corsa verso Roma. In due scompartimenti (seconda classe e prima con supplemento e prenotazione obbligatoria) cominciano a snodarsi le più classiche e “avvincenti” conversazioni: manager, vedove, pensionati, studenti (tutti noi, cioè) si lasciano andare a una inarrestabile cascata di luoghi comuni. Basta un “Le stagioni non sorto più quelle di una volta” che si rotola a perdifiato fino a “I gatti sono più indipendenti”, per giungere alle vette sublimi di “Venezia è splendida ma non so se ci vivrei”. Fabio Fazio, con il candore perfido che gli italiani hanno imparato a conoscere e apprezzare, sa allestire un gioco irresistibile da cui scaturisce una sintesi efficace, feroce e affettuosa al tempo stesso, delle nostre abitudini. Questo libro, pubblicato nel 1994 e riproposto oggi in tutta la sua stringente attualità, vuole anche essere un vero e proprio appuntamento per tutti noi; come a dire… ovunque siamo, prima o poi, ci ritroveremo in un luogo comune.

Il Claet interpreta il testo con una lettura appunto “fuori dal comune” per un risultato gradevole e divertente.

Guarda la locandina

Foto spettacolo

Shares 0

LEAVE A COMMENT