Solo chi fa teatro può capire. “Palcoscenico” di Bruno Alvino.

Solo chi fa teatro può capire. “Palcoscenico” di Bruno Alvino.

Lo scorso 19 Maggio in occasione della premiazione del Festival nazionale del teatro spontaneo di Arezzo abbiamo conosciuto diversi membri delle altre compagnie in gara al festival fra cui Bruno Alvino della compagnia “Teatro Mio” di Vico Equense (Na).

Bruno ci ha praticamente conquistato quella sera, recitando una delle sue poesie.

Una poesia, neanche a farlo apposta, dedicata al teatro ma ancora di più alle persone che lo vivono e ne fanno una passione.

I versi recitati ed interpretati nella “lingua” di Bruno, (il napoletano), c’hanno letteralmente catturato al punto che gli abbiamo chiesto di inviarceli e, non paghi, abbiamo fatto in modo di farci inviare anche il video dove avesse potuto recitarceli in esclusiva.

Esclusiva si fa per dire, poiché abbiamo il piacere, il desiderio e quasi “il dovere” di condividere “Palcoscenico”, attraverso questo spazio, con tutti coloro che come noi fanno teatro e che leggendo le parole o ascoltando lo stesso Bruno, potranno ritrovarsi ed emozionarsi fortemente per la profondità e l’intensità di una poesia che va dritto al cuore di chi si adopera nel teatro stesso e che proprio e solo per questo può coglierne l’incredibile bellezza e veridicità.

Grazie per questo meraviglioso regalo Bruno e tanta tanta merda lungo la tua strada…teatrale s’intende! 😉

PALCOSCENICO
`A vocca s’azzecca,
`o respiro te manca,
`o core se ferma,
nun se conteno `e passe,
ca nun serveno a niente …
… se cammina sultanto pe’ fa’ passà’ `o tiempo.
`O mumento po’ arriva,
quaccheduno te chiamma e te dice:
” E’ il tuo turno! “
Mentre `o sangue se gela’
e te tremmano `e gamme,
stai già là … sotto `e luci,
`ncopp’ `o palcuscenico,
e di fronte `int’ `o scuro
ce sta tanta gente,
`e vulisse guardà dint’all’uocchie
ma nun tiene `o curaggio,
quase quase scappasse
ma nun può’, pecche aspettano a te!
E tu canti,
tu parli, tu abballi,
tu ride, tu chiagne …
nun t’ accuorge d’ `o tiempo ca vola,
siente `o pubblico
ca sbatte `e mmane e capisci:
E’ fernuta!
Tuorne dinto felice,
sulo chello cercavi:
nu surriso, n’applauso,
e nun vide 1′ ora
`e sentì’ n’ ata vota
ca ` vocca s’azzecca,
ca `o respiro te manca,
ca `o core se ferma!

 

Condivisioni 33

LEAVE A COMMENT