I giusti nel tempo del male

I giusti nel tempo del male

Nei primi anni Novanta nessuno in Jugoslavia immaginava cosa sarebbe successo.

Nelle città e nelle campagne , la gente viveva una vita normale, non molto diversa che nel resto d’Europa, così come qui da noi (distanti appena 30 minuti di volo).

Ma il male arrivò presto, come una tempesta terribile, e sconvolse la vita di tutti e nulla fu più come prima.

In pochi lo videro annunciarsi nella montante propaganda nazionalista, nel repentino ricambio dei quadri dirigenziali di fabbriche e organizzazioni, nei primi screzi diplomatici fra regioni e gruppi etnici.

La maggior parte della gente comune vi si trovò catapultata, come in un brutto sogno da cui, ormai, non era più possibile svegliarsi.

Chi fu responsabile di tutto questo?

Delle distruzioni, dei saccheggi, della violenza più atroce, degli stupri e delle torture, della fame, del freddo, delle umiliazioni?

All’improvviso accadde, fu la notte della ragione, il ritorno ad Auschwitz, la morte di Dio e la morte dell’Uomo.

Come fu possibile?

Come poté accadere così vicino a tutti noi?

Di fronte alla tragedia della guerra, Svetlana Broz (nipote del maresciallo Tito) però vuole parlarci di speranza, dei giusti nel tempo del male, di tutte quelle persone, donne, uomini, ragazzi, che seppero dire no nel momento in cui questo era più difficile e scomodo, a costo della propria stessa vita.

Gente comune con un cuore straordinario, eroi veri di una storia vera.

Grazie alle testimonianze di questo testo ci saranno d’esempio, indicando la strada, come luci nella notte del dolore.

Da questo testo che raccoglie decine di incredibili storie raccolte dall’autrice sui campi di battaglia con un semplice registratore, abbiamo scelto di rappresentarne 4.

Le 4 storie VERE  tratte da “I giusti nel tempo del male”,  saranno l’oggetto del nostro prossimo spettacolo.

 

LEAVE A COMMENT